CORSE “TRUCCATE”, SCOPPIA LO SCANDALO NELL’IPPICA. BLITZ A CASA DI UN NOTO COMMERCIANTE VIAREGGINO

Terremoto nel mondo dell’ippica viarreggino e nazionale. Sono nomi eccellenti quelli che spuntano dall’inchiesta della Procura di Lucca sul mondo delle scommesse e del doping. L’abitazione e l’ufficio di un noto commerciante di auto viareggino è stata perquisita ieri mattina dagli uomini della Squadra Mobile di Lucca, diretti da Virgilio Russo. All’uomo, un cinquantenne già indagato due anni fa per truffa, è stata sequestrata documentazione relativa alle scommesse che è ora al vaglio del magistrato della Procura di Lucca titolare dell’indagine. La complessa operazione, coordinata dal Servizio Centrale Operativo e dalla Squadra Mobile Sezione Criminalità Organizzata della Questura di Firenze, alla quale hanno partecipato oltre la Squadra Mobile di Lucca, anche le Squadre Mobili di Roma, Bologna, Pisa, Pistoia, Ascoli Piceno e Reggio Emilia, si è avvalsa anche della partecipazione di personale medico specializzato dell’UNIRE con oltre 200 prelievi antidoping a cavalli impegnati nelle competizioni ippiche nazionali, rientranti nel circuito delle scommesse. In un solo giorno sono state eseguite in diverse città italiane, ben venticinque perquisizioni disposte dalla Procura della Repubblica di Lucca a carico di noti drivers, allevatori di cavalli da corsa, proprietari di scuderie, veterinari, farmacisti e scommettitori. L’ipotesi formulata dall’ Autorità Giudiziaria procedente contesta agli indagati attività criminose relative all’alterazione ed al corretto svolgimento delle competizioni ippiche gestite dall’UNIRE ed al maltrattamento di cavalli, mediante somministrazione agli animali di farmaci e sostanze dopanti, dal 2006 in poi. L’operazione portata a termine ieri conclude una complessa attività investigativa svolta dagli Uffici della Polizia di Stato che si è protratta per oltre due anni e iniziata dalla Procura della Repubblica di Potenza. Mai come in questi anni il mondo dell’ippica si è dimostrato così a rischio, con gare truccate, doping, scommesse illegali e corse clandestine. Secondo la Fise, federazione italiana sport equestri, il 5% dei cavalli impegnati in concorsi ippici nazionali e internazionali risulta positivo alle sostanze doping. Una pratica dietro la quale, secondo gli investigatori che si occupano del settore, non c’è solo l’interesse ai premi, ma anche quello a truccare le scommesse. Ogni anno l’Unire scopre tra i 100 e 150 casi di doping. Una cifra confermata dal Rapporto zoomafia 2004 della Lav, dal quale risultano 150 i casi di cavalli dopati ogni anno,ma certamente non esaustiva del fenomeno, se si considera da un lato che il 20-30% dei controlli sono nulli a causa delle violazioni riscontrate nei campioni di sangue e urine prelevati dopo le corse, dall’altro che i prelievi effettuati, circa 25.000 l’anno, riguardano solo i cavalli primi classificati nelle tremila corse che si svolgono nei 42 ippodromi italiani. Ma, se, secondo il rapporto Lav, sono sempre più numerosi i reati connessi con le gare ippiche, dalla detenzione e spaccio di droga all’uso di sostanze dopanti, fino alla ricettazione, all’associazione per delinquere, al maltrattamento degli animali, al gioco d’azzardo, o anche a estorsione, truffa e alterazione di corse ippiche, a portare somme ingenti nelle casse della criminalità organizzata è soprattutto il business delle corse clandestine. Il giro d’affari, tra scommesse clandestine e truffe nell’ippica, frutta alla criminalità organizzata circa 1 miliardo di euro l’anno. A quanto si ricava dalle tante indagini in corso risultano essere circa 5mila i cavalli rubati o uccisi per vendetta.

(Il Nuovo Corriere della Versilia)


The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2008/12/19/corse-truccate-scoppia-lo-scandalo-nellippica-blitz-a-casa-di-un-noto-commerciante-viareggino/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Purtroppo nell’ippica queste cose sono all’ordine del giorno, in ogni caso con il nuovo governo Zaia e la rifondazione dell’UNIRE le cose dovrebbero migliorare nei prossimi anni.

  2. “Purtroppo”….ma non devono succedere!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: