ALL’ASILO SI IMPARA A COLTIVARE: INAUGURATA IERI L’AULA DI DIDATTICA AMBIENTALE PER I 28 PICCOLI DELLA SCUOLA DI MULINA

Una finestra sulla natura, per fare lezione all’aria aperta – tempo permettendo – dove il tetto è il cielo, il pavimento è il prato, i profumi quelli del bosco e i rumori, come magici suoni, sono quelli dell’acqua del ruscello che scorre accanto alla nuova aula didattica inaugurata ieri mattina alla Scuola per l’Infanzia di Mulina, la piccola frazione del comune di Stazzema alle pendici del monte Forato, sulle Apuane.

Al taglio del nastro, accanto al sindaco Michele Silicani, i bambini della scuola, “cuccioli d’ uomo”dai tre ai cinque anni, Annamaria, Rita e Rosaria, le loro maestre, l’assessore alla Scuola Egidio Pelagatti e il preside del comprensorio Roberto Cecchi. Realizzatore dell’aula didattica ambientale, che fa parte del Progetto “Valorizzazione dei Borghi”, l’architetto progettista pisano Massimo Fiorido, e madrina dell’inaugurazione Lida Lotti, la vedova del medico condotto per oltre quarant’anni ha operato nella zona, curando decine e decine di famiglie, e soprattutto i bambini, al quale lo spazio, “un caleidoscopio di immagini, con tante finestre aperte sul mondo che li circonda”, è stato dedicato.

Nel giardino della scuola materna – e il corso è già attivo – i bambini imparano a coltivare: “ognuno ha il suo seme da piantare – raccontano le insegnanti -, chi la zucchina, chi il pomodoro, chi le erbe aromatiche”. Ma ci sarà anche un frutteto, e ogni bambino curerà, annaffiandolo e vedendolo crescere, il suo alberello di mele e di pere.

“In questi giorni facciamo l’olio – Alice e Cristian sono gli esperti, e più chiacchieroni -: si raccolgono le olive, le mettiamo nelle ceste e le portiamo al frantoio, per la macina”. Quell’olio, genuino, lo useranno per condire il loro pranzo: nella scuola infatti, dalla colazione al pasto di mezzogiorno e alla merenda, si consumano solo prodotto naturali. Un bel progetto quello portato a termine, e ancora in divenire con tante altre “sorprese”, finanziato dalla Regione, e per il quale l’amministrazione comunale di Stazzema si è spesa volentieri.

“Il sorriso dei bambini, guidati con amore, sono la ricchezza più grande – ha commentato Silicani. I 28 piccoli scolari impareranno a leggere il futuro attraverso la natura.

Letizia Tassinari


The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2009/11/27/allasilo-si-impara-a-coltivare-inaugurata-ieri-laula-di-didattica-ambientale-per-i-28-piccoli-della-scuola-di-mulina/trackback/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: