LUNARDINI COME…ALEMANNO?

Chi l’ha detto che Roma è poi tanto lontana da Viareggio? Lo sanno bene i consiglieri comunali del PdL che hanno chiesto al sindaco prima nero su bianco e poi ieri pomeriggio in un summit in municipio di prendere esempio da Alemanno. In cosa? E’ semplice. Nel mandare a casa tutta la giunta e poi ricominicare tutto da capo. In una parola sola: azzeramento. La richiesta, forte, dirompente, già comunque annunciata, è piombata nel mezzo della riunione che il sindaco Lunardini ha convocato ieri pomeriggio nel suo ufficio in municipio. Attorno a un tavolo ha voluto tutti i consiglieri comunali della maggioranza. Quelli a lui più fedeli e quelli che invece non mancano di criticare il suo operato, ma soprattutto quello della giunta che ha voluto e modificato in questi di anni di primo governo del centro destra. Critiche stemperate da un contro documento con il quale si ribadisce la fiducia al sindaco. Al summit a porte chiuse e sprangate era presente anche il coordinatore del PdL Giovanni Santini. “Bisognerebbe fare come ha fatto Alemanno a Roma”, ha tuonato più di un consigliere. Un segnale – è questo il concetto di chi critica l’amministrazione comunale – verso una cittadinanza e un elettorato, anche quello di centrodestra, che non manca quotidianamente di criticare un certo immobilismo della compagine governativa. E ai consiglieri critici non piace neppure il ritornello di alcuni assessori: non ci sono soldi e non possiamo fare come vorremmo. Servono progetti – è la critica – in base ai quali andare a chiedere i soldi, solo cosi si possono avere finanziamenti che certo difficilmente arriveranno vista la crisi a catena. Quanti punti del programma elettorale presentato al corpo elettorale nel 2008 sono stati assolti? E’ la domanda di chi chiede a Lunardini di fare come Alemanno. Ma se si prova a chiedere nomi e cognomi degli assessori sulla graticola nessuno si sbilancia. Nessuno vuole neppure dire quali siano i settori che arrancano. Dirli – è stato ribadito nel corso del faccia a faccia tra consiglieri comunali e sindaco – non è possibile e non è mai stato fatto. La critica che parte dei consiglieri di maggioranza lanciano è più uno stimolo. “Nulla di offensivo”, in sostanza. E’ probabile che il sindaco arrivi a un rimpasto di giunta. Non immediato, ma comunque previsto, indipendentemente dal documento.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on gennaio 22, 2011 at 9:45 am  Lascia un commento  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2011/01/22/lunardini-come-alemanno/trackback/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: