PERIZIA PSICOLOGICA PER DAVID, E IL GIALLO SI ARRICCHISCE ANCHE DI UN ALTRO MISTERO

La “fragilità” di David Paolini è stata messa nera su bianco, e la relazione peritale dello psicologo è stata consegnata ieri mattina al Pubblico Ministero Sara Polino, che segue l’indagine sulla vicenda della madre e della nonna del ragazzo scomparse nel nulla ormai da mesi. Il giovane, che compirà 23 anni il prossimo 10 febbraio, si è sottoposto a un percorso di sostegno emotivo – “in maniera del tutto volontaria” come ha precisato l’avvocato Francesco Consani che insieme al padre Alberto segue la vicenda. Un percorso finalizzato ad alleviare le difficoltà di questa delicata fase della sua vita, la scomparsa della madre e della nonna è infatti ancora un mistero, e David vive la situazione con disagio sia emotivo che materiale: solo e senza un soldo. Gli esami psicodiagnostici sono tuttora in corso, ma già dai primi test sono emerse “fragilità nelle capacità cognitive”. I risultati ottenuti, con 24 risposte esatte su60 fatte, messi a confronto con un campione di persone di pari età, hanno già fatto emergere una “fragilità intellettiva”. “Anche se sono in corso ulteriori accertamenti per definire un profilo intellettivo – emotivo più accurato possibile – hanno precisato i suoi legali – questo, di per sé, è già sufficiente per dimostrare che il ragazzo poco o nulla sa di quanto accaduto, sia per quanto riguarda la vendita delle due case che di altre operazioni bancarie, legate anche alla società EdilMa.Re, per le quali a quanto risulta aveva la delega lo “zio” Massimo Remorini”. E a gettare benzina sul fuoco, ingarbugliando ancor di più tutta la storia, come se tutto il resto non bastasse, è arrivata in questi giorni al giovane David la notifica di un atto di precetto conseguente a un decreto ingiuntivo da parte della Unicredit Leasing, per un pregresso debito di 4.657,67 euro relativo al pagamento di un furgone acquistato a nome della EdilMa.re, della quale il giovane almeno sulla carta è il legale rappresentante anche se di tutto si sarebbe occupato lo “zio”. “ L’autocarro, un Mahinda Bolero del quale la Finanziaria ha richiesto la restituzione a seguito della risoluzione del contratto per morosità, è stato acquistato il 12 dicembre 2007, al costo di 18.497,13 euro – ha affermato l’avvocato Francesco Consani -, ma David non ne sa niente, non lo ha mai visto e meno che mai guidato, visto che non ha nemmeno la patente e soprattutto non sa dove si trovi”.

Che sia quello, nascosto sotto a un telo giallo, che un click del Nuovo Corriere ha immortalato nel campo di Piano di Mommio, gestito da Francesco Tureddi e dal Massimo Remorini? Saranno gli inquirenti a confermarlo.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Advertisements
Published in: on gennaio 28, 2011 at 12:40 pm  Lascia un commento  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2011/01/28/perizia-psicologica-per-david-e-il-giallo-si-arricchisce-anche-di-un-altro-mistero/trackback/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: