DIVERTIRSI SENZA DISTURBARE: MUSICA “A PIOGGIA”, SECURITY E PULIZIA MATTUTINA OBBLIGATORIE

Il regolamento c’è. Gli orari ancora no. Eccolo l’atteso documento approvato dalla giunta Lunardini, redatto dall’assessore Antonio Cima, che approderà sui banchi del consiglio comunale. “E in quell’occasione – ha spiegato Cima – renderemo pubblici gli orari dei locali”. Obiettivo del regolamento è “divertirsi senza disturbare”. Per dare una “riorganizzata” alla complicata matassa, che lo scorso anno tenne banco per tutta l’estate, l’assessore Cima ha diviso la città in zona: il centro abitato, la Passeggiata, i Bagni della Passeggiata, quelli della Terrazza della Repubblica, le due Marine e la zona della Cittadella del Carnevale. La filosofia di fondo, richiesta dal sindaco al suo assessore, è stata: maggiore libertà nell’intrattenimento notturno, senza che i rumori delle notti di bagordi arrivino alle orecchie di chi dorme. Ma come conciliare vita notturna (e quindi turismo e palanche) con la quiete? Da un lato dando un paio d’ore in più di apertura ai locali, dall’altro imponendo a chi diffonde musica all’esterno di dotarsi di impianti a pioggia o sistemi per contenere i rumori entro una manciata di metri dal locale stesso. E chi non si adegua rischia grosso. Bastano due notti fuori regola per essere costretto a dire addio alla notte e tenere aperto solo dalle 6 del mattino fino alle 24. Più elasticità per i locali che non fanno musica, ma che offrono cibo e bevande. Un’apposita ordinanza permetterà di tenere aperti da 18 a 22 ore al giorno. Niente deroghe. Solo due al massimo in un anno solare. E solo per eventi significativi. Il regolamento approvato dalla giunta municipale non si ferma qui. Intanto annuncia un giro di vite. I controlli di Arpat e polizia municipale saranno rafforzati e intensificati per garantire il rispetto delle regole. Poi ad ogni locale che fa musica verrà chiesto di dotarsi di un tecnico del suono che dovrà seguire passo passo il corretto settaggio e orientamento dei diffusori acustici, oltre ad un controllo capillare, o meglio giornaliero, dei volumi sonori. Agli imprenditori sarà imposto di  occuparsi della security e di tenere pulite le aree antistanti i propri locali.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Annunci
Published in: on aprile 2, 2011 at 10:00 am  Lascia un commento  
Tags: , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2011/04/02/divertirsi-senza-disturbare-musica-a-pioggia-security-e-pulizia-mattutina-obbligatorie/trackback/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: