FIUMI DI COCA NEI FESTINI, STRONCATO GIRO DI SPACCIO NELLA VERSILIA BENE CHE FRUTTAVA INCASSI DA CAPOGIRO

Fiumi di cocaina nelle ville di Forte dei Marmi e Marina di Pietrasanta e cinque arresti sono il bilancio dell’operazione portata a termine ieri mattina dai militari della Guardia di Finanza di Viareggio. Gli accusati di aver spacciato la “bianca” durante festini in ville vip della costa sono tutti incensurati, a parte uno con precedenti penali, che grazie ad intercettazioni telefoniche e ambientali sono risultati al centro di un giro di spaccio che soprattutto nel periodo estivo, ma anche nei mesi invernali, fruttava fiumi di denaro. Insospettabili e della “società bene”, benestanti e amanti della bella vita, frequentatori di locali vip e feste in lussuose ville, sono finiti in cella a San Giorgio, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere del Gip Silvestri.

Si è conclusa ieri mattina alle prime luci dell’alba, con cinque arresti, cinque persone denunciate a piede libero e oltre cinquanta consumatori abituali segnalati al Prefetto, la vasta operazione antidroga “Freak” condotta dalle Fiamme Gialle in Versilia. Cinque le persone finite in manette, quattro incensurati e uno con precedenti penali per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spacco. Tra i denunciati a piede libero, A.G., S.L.,  M.C., C.C. e A.T.. Nel vasto giro di cocaina scoperto dai militari della Guardia di Finanza, che fruttava agli arrestati da un minimo di 1000 a 3000 euro a settimana ciascuno, sono stati identificati e segnalati oltre 50 consumatori abituali. L’indagine, conclusasi ieri con l’impiego di 50 finanzieri e di unità cinofile, era iniziata ad agosto dello scorso anno. All’occhio attento delle Fiamme Gialle non era sfuggito il tenore di vita dei cinque poi finiti in carcere: come permettersi, nonostante uno stipendio da dipendente, cene al Bistrot e da Lorenzo, serate in discoteche come il Twiga e la Capannina, villa e Porsche Cayenne, oltre ad altre macchine di un certo valore? I militari in borghese si sono dapprima infiltrati nei locali vip da Marina di Pietrasanta al Forte dei Marmi, come hanno spiegato il comandante provinciale colonnello Antonio Leone e il comandante della Compagnia di Viareggio maggiore Pasquale Arena, poi sono iniziate le intercettazioni telefoniche: “Vorrei tre baci”, la richiesta in codice – ma a volte anche di cd -, poi risultata essere tre dosi di “bianca”. “Il consumo di cocaina aveva come epicentro Forte dei Marmi – ha precisato il maggiore Arena -, dove gli indagati rifornivano decine di frequentatori di locali di tendenza e di ville dove veniva consumato lo stupefacente”. Tutti gli indagati facevano parte del medesimo “giro”, ma ognuno “lavorava” da solo. La cocaina spacciata – e venduta a 80/100 euro a grammo – spesso e volentieri veniva consumata in abitazioni private e ville del Forte dove molti trentenni del posto si riunivano per consumarla in compagnia, prima di lanciarsi nella movida notturna. Ieri mattina sono state anche effettuate perquisizioni domiciliari e nelle attività dei cinque arrestati e i militari della Guardia di Finanza hanno sequestrato droga e bilancini.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on aprile 21, 2011 at 10:00 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2011/04/21/fiumi-di-coca-nei-festini-stroncato-giro-di-spaccio-nella-versilia-bene-che-fruttava-incassi-da-capogiro/trackback/

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: