SANGUE IN PIAZZA PIAVE, ACCOLTELLATO IN PIENO GIORNO

Ancora Far West a Viareggio. E sangue. Questa volta di giorno, e in pieno centro. Sono stati attimi di vero e proprio terrore ieri mattina poco dopo le 10.30 in piazza Piave quando un giovane tunisino è stato accoltellato alla spalla sinistra da un altro extracomunitario. I motivi della lite, scoppiata vicino a una panchina del giardino, sono per ora sconosciuti. Unica cosa certa, al momento, è che tra i due è nata una colluttazione, e l’accoltellatore è persino riuscito ad amputare parte del dito indice all’altro. Sembra da un macete. Mentre l’aggressore è riuscito a dileguarsi in fretta e furia, diretto verso la pineta di ponente, il ferito, seppur dolorante, ha attraversato la piazza – in terra i reparti della Scientifica hanno ritrovato numerosissime tracce ematiche -, ha raggiunto il marciapiedi della via Leonardo da Vinci e poi dopo aver chiesto aiuto, si è accasciato in terra in una pozza di sangue. E’ stata Antonina Destro Impiccio, titolare del “Break and Sleep”, ad avvisare il 118 e un’ ambulanza della Misericordia di Torre del Lago ha immediatamente soccorso il tunisino trasportandolo al Pronto Soccorso dell’Ospedale Unico “Versilia” dove, seppur non in pericolo di vita, è stato ricoverato in gravi condizioni. La piazza è rimasta “blindata” per almeno due ore, e passata al setaccio dai reparti speciali della polizia che hanno effettuato i rilievi del caso, mentre le volanti hanno cercato di localizzare il fuggiasco, probabilmente fuggito nel parco cittadino e forse aiutato da qualche connazionale a nascondersi. Anche se il fatto è accaduto in una piazza del centro, a due passi dalla basilica di San Paolino e di fronte a numerose attività commerciali, tra cui una farmacia, all’aggressione non avrebbe assistito nessuno ma gli inquirenti confidano nelle immagini delle telecamere di un istituto bancario poco distante che potrebbero aver ripreso la scena. Probabile, se non addirittura certo, che possa trattarsi di un regolamento di conti per questioni legate al giro dello spaccio di sostanze stupefacenti della pineta. La vittima potrebbe anche conoscere il suo feritore, da quanto trapelato avrebbe infatti fatto il suo nome a chi per primo gli ha prestato soccorso. Sul posto sono arrivati sia l’assessore alla polizia municipale Athos Pastechi che il sindaco Luca Lunardini, che ha subito preso contatto telefonico con il prefetto di Lucca per metterlo al corrente di quanto accaduto: “ Mi è stato confermato – ha detto il primo cittadino alla stampa – che arriveranno oltre 60 uomini di rinforzo, tra Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza e ho chiesto di anticipare la loro presenza in città visto l’aumento di questi episodi di violenza”. Quello che è accaduto ieri mattina, di una gravità enorme, ha creato molto allarme in città. La vittima dell’accoltellamento, Abdel Kader Zaoui, di 37 anni e con numerosi alias, nel 2009 fu arrestato dalla polizia sulla marina di Torre del Lago per spaccio di droga. Le indagini degli investigatori per risalire al colpevole dell’accoltellamento seguono precise piste, e non sono esclusi colpi di scena nelle prossime ore.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia) 

The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2011/06/01/sangue-in-piazza-piave-accoltellato-in-pieno-giorno/trackback/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: