SPIAGGE LIBERE SICURE, E’ POLEMICA

Nessuna autopsia per Ossama Ridi, il 16enne di Prato morto in mare sabato pomeriggio. Il Pubblico Ministero di turno Giuseppe Amodeo ha disposto la restituzione della salma del ragazzo, dopo l’esame esterno effettuato dal direttore di Medicina Legale dell’Ospedale Unico “Versilia” dottor Alessandro Grazzini. Ma all’indomani della tragedia in mare che ha visto morire annegato il giovane turista pratese, inghiottito dalle onde a pochi metri dalla riva del tratto di spiaggia libera dove questa estate, pare per mancanza di soldi nelle casse comunali, non c’è la sorveglianza, si alza la protesta: “ Quando ci troviamo a dover affrontare l’innaturale e ingiusta morte di un ragazzino nei giorni di festa dell’estate, il lato umano della vicenda ci atterrisce e ci riporta a considerazioni profonde e personali che riguardano le coscienze di ognuno e per le quali ciascuno cerca le proprie risposte con fatica e sofferenza”. La riflessione è di Glauco Dal Pino, il segretario del Pd di Viareggio. “Purtroppo però – aggiunge – per chi si occupa di politica c’è il dovere di considerare sempre se nell’occuparsi della cosa pubblica si fosse potuto fare qualcosa per prevenire il dramma. La sicurezza in ogni luogo, di lavoro, di svago, deve essere il primo dei pensieri per chi amministra, va ricercata sempre con impegno e con forza. Sono anni che la sorveglianza sulle spiagge libere a Viareggio è considerata come imprescindibile, un punto fermo della nostra civiltà. Non si può sacrificare a nessun’altra esigenza la salvaguardia degli esseri umani. Da più parti questa emergenza è stata fatta presente alla giunta, soprattutto dal consiglio comunale. I ritardi e le inadempienze su molti argomenti creano pasticci, brutte figure, perfino ilarità, ne abbiamo avuti esempi continui in questi tre anni”. Su questo argomento purtroppo producono drammi. “A nome mio e del Pd, Sindaco le chiedo ancora una volta, se non è in grado di gestire la città, se non è in grado di capire quali sono le priorità, senza alcuna animosità o partigianeria politica, ne tragga le dovute conseguenze”. “Sono meravigliato chea tutt’oggi i servizi della sorveglianza della spiaggia libera non siano ancora in funzione. Il direttore generale del Comune, da metà giugno, con una lettera ha dato il via libera per il servizio. Quindi mi aspetto delle risposte urgenti che spieghino perché ancora le spiagge non siano controllate”. Così il sindaco di Viareggio Luca Lunardini ha replicato alle polemiche sul mancato servizio di sorveglianza. Il primo cittadino, di sua iniziativa, ha fatto in modo che ieri i tre chilometri di spiaggia libera fossero coperti dalla Protezione Civile e dai volontari della Misericordia di Torre del Lago. Intanto per questa mattina è convocata una riunione urgente con tutti i dirigenti comunali competenti. La polemica divampa anche su Facebook dove un gruppo di bagnini disoccupati della Lecciona denunciano la situazione di pericolo della spiaggia libera, senza alcun controllo.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on luglio 18, 2011 at 9:30 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2011/07/18/spiagge-libere-sicure-e-polemica/trackback/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: