PREOCCUPAZIONE IN VERSILIA, CRESCE L’USO DI COCA: I DATI ALLARMANTI DEL SERT

Droga? Meglio evitarla. Per la salute, propria e degli altri. Ma i dati ufficiali, provenienti dal Sert, sono a dir poco allarmanti. E riguardano sia le droghe illegali che quelle legali, ma anche le dipendenze da gioco. Dal primo dell’anno allo scorso 31 agosto sono 768 i tossicodipendenti in carico al servizio: “616 uomini e 152 donne – precisa il direttore dottor Guido Intaschi. Tutte persone, queste, “con consumo problematico di droghe illegali” che sono seguite sia con terapie farmacologiche che con interventi psico-sociali multiprofessionali, compresi programmi comunitari residenziali. “C’è una tendenza progressiva all’aumento di consumo di cocaina – precisa il medico – , sia come droga primaria specie nei nuovi utenti Sert, che come droga secondaria negli utenti “storici” eroinomani”. In aumento la “bamba”, spacciata ovunque, ma l’eroina, e lo dimostrano i recenti fatti di cronaca, è tornata comunque prepotentemente sul mercato. E non costa poi così tanto. Senza contare le droghe “leggere”, come la marijuana e l’hashish, di gran voga tra i più, ed erroneamente considerata non pericolosa. Anche la “canna”, invece, fa male, cosi come fanno male le droghe legali, alcol e sigarette. “Al Sert abbiamo in carico 268 alcooldipendenti – afferma Intaschi -, di cui 182 uomini e 86 donne, con problemi alcolcorrelati spesso associati a consumo di altre sostanze come la cocaina e disturbi psichiatrici”. Molti vengono seguiti in collaborazione con i gruppi di Auto-mutuo-aiuto presenti nel territorio versiliese” – sono sei i club Alcologici Territoriali  oltre al gruppo Alcolisti Anonimi – mentre al Centro Antifumo vengono seguiti 50 tabagisti. Per i giocatori d’azzardo patologici, 15 quelli seguiti, è stata istituito il Gap, un’equipe ad hoc multiprofessionale. Rispetto al 2010 la proiezione dell’ utenza totale Sert appare tristemente in tendenziale aumento. Come prevenire? “ Passano spesso messaggi sbagliati anche in tv, e manca ancora un’educazione preventiva – sostiene il direttore. Famiglia e scuola, sicuramente, potrebbero fare molto di più.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on settembre 22, 2011 at 9:30 am  Lascia un commento  
Tags: , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2011/09/22/preoccupazione-in-versilia-cresce-luso-di-coca-i-dati-allarmanti-del-sert/trackback/

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: