UN ANNO FA LA DENUNCIA DI SCOMPARSA DI VELIA CARMAZZI E MADDALENA SEMERARO

Ieri, un anno fa, David Paolini denunciava la scomparsa dal campo di via dei Lecci a Torre del Lago della mamma Claudia Velia Carmazzi e della nonna Maddalena Semeraro. Ieri, ad un anno di distanza, in quel campo ancora con i sigilli apposti a inizio di dicembre dai carabinieri di Viareggio, la roulotte, il camper e la casina in legno dove le due donne hanno vissuto per un periodo sono sommerse dalle erbacce, alte quasi tre metri. La strada, sterrata e illuminata dal sole settembrino, è silenziosa. Solo il rumore delle auto che transitano a pochi passi. Da quattro delle cinque abitazioni vicine al ribattezzato “campo degli orrori” nessuno degli abitanti, dice, ha mai sentito grida, o lamenti. Qualcuno ricorda di aver visto spesso sia Massimo Remorini che David Paolini passare col furgone, entrare nel campo, e ripartire. Qualcun altro afferma di aver visto, qualche volta, anche Velia camminare a piedi sul viottolo con il figlio. Ma tutti affermano di non aver mai sentito “strani odori”. Certo, d’intorno, ci sono tanti campi, e spesso si bruciano foglie. Ma l’odore di carne umana bruciata è diverso. Era il 28 settembre del 2010 quando l’assistente sociale Eleonora Biagini si presentò alla caserma dei carabinieri di Torre del Lago, riferendo di aver appreso da una donna della situazione di disagio di Velia e Maddalena, non seguite dal servizio sociale del comune di Viareggio, che a detta della segnalazione ricevuta vivevano rinchiuse, aggiungendo di aver saputo, sempre dalla stessa fonte, che in un giorno non meglio precisato sarebbero state udite invocazioni di aiuto da parte della più anziana. I carabinieri, ricevuta la notizia, si erano subito recati al campo, ma delle due donne non c’era traccia e per questo motivo si erano messi in contatto con il parente più vicino, il figlio e nipote David Paolini. Che a quel punto fece denuncia. Le indagini da parte della Procura sulle donne scomparse, a distanza di dodici mesi, non sono ancora chiuse, al fascicolo del Pm titolare dell’inchiesta sono arrivate da pochi giorni le investigazioni finanziarie effettuate dalle Fiamme Gialle, e si aspettano, entro due mesi, le perizie psichiatriche sul ragazzo, cosi come quelle su Raffaella Villa. Ma anche la difesa non si ferma e proseguono le indagini da parte dei legali di Massimo Remorini, e di Maria Casentini: “Per il momento stiamo acquisendo delle documentazioni che riteniamo molto interessanti – hanno precisato gli avvocati Giorgio Paolini, Carlo Di Bugno e Alessandro Bini, senza sbilanciarsi. Ma sono nell’aria nuovi colpi di scena.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Foto Raffaele Carnevale

Published in: on settembre 30, 2011 at 9:30 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://laetitiatassinari.wordpress.com/2011/09/30/un-anno-fa-la-denuncia-di-scomparsa-di-velia-carmazzi-e-maddalena-semeraro/trackback/

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: