FURTO D’ARTE ALLA FONDERIA

Furto d’arte alla Fonderia di Massimo Del Chiaro a Pietrasanta: una preziosa opera in bronzo bianco dello scultore francese Mauro Corda – valore commerciale circa 50 mila euro – è stata rubata dal piazzale. Il furto è avvenuto la notte del 5 luglio 2011 presso la sede dell’azienda in via delle Iare. Un giovane, assistito da uno o più complici che attendevano in auto, ha scavalcato la recinzione e sottratto l’opera che, essendo pronta per la consegna, era stata posta in quei giorni sul piazzale esterno della Fonderia in attesa della spedizione. Il crimine si è svolto in meno di due minuti ed è stato interamente ripreso dal sistema di videosorveglianza dell’azienda, e la dinamica dell’azione ed alcuni particolari emersi dal successivo esame dei filmati fanno ritenere che si sia trattato di un furto su commissione: i ladri, infatti, sapevano esattamente cosa prelevare e dove si trovasse. Altre sculture che erano nelle vicinanze non sono state nemmeno toccate. I carabinieri della stazione di Pietrasanta, dopo la denuncia presentata, stanno svolgendo approfondite indagini sulla base degli indizi raccolti sul luogo del furto. Ma i titolari della Fonderia e l’artista fanno appello a tutti, anche per mettere sull’avviso eventuali inconsapevoli acquirenti dell’opera rubata: “Contorsioniste XI”, fa parte della serie di Contorsioniste che Mauro Corda sta esponendo nell’ambito della mostra “Riflexion” in centro a Forte dei Marmi, promossa dal comune in collaborazione con la Fonderia d’Arte Del Chiaro. Rispetto a quelle esposte a Forte dei Marmi si tratta però di un esemplare di ridotte dimensioni, pensato per una collocazione in ambienti interni. L’opera è realizzata in una speciale lega metallica denominata “bronzo bianco”, esclusiva formulazione della Fonderia Del Chiaro. Non trattandosi di una classica lega di bronzo si tende ad escludere l’ipotesi che la scultura possa essere stata rubata per essere fusa e rivenduta come semplice metallo, ricavandone peraltro poche centinaia di euro. Molto più probabile che l’opera venga prima o poi collocata sul mercato clandestino delle opere d’arte. “A questo proposito – fanno sapere dall’azienda – è opportuno segnalare che si tratta di un’opera numerata, a tiratura limitata (edizione numero 6 di 8 esemplari) e di facile individuazione nel corso di eventuali controlli in collezioni private, fiere o mercati”. Chi l’acquista corre dunque seri rischi di natura penale connessi al furto ed alla ricettazione. Gli inquirenti non escludono che proprio la concomitante esposizione di Forte dei Marmi abbia concentrato l’interesse dei ladri sulle opere di Corda, artista che da anni frequenta la Versilia e collabora con la Fonderia d’Arte Massimo Del Chiaro di Pietrasanta. Mauro Corda è un artista francese di origine italiana che gode di una buona reputazione negli ambienti artistici internazionali. E’ trattato da importanti gallerie ed espone regolarmente in Francia, in tutta Europa e in Asia.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on agosto 2, 2011 at 8:21 am  Lascia un commento  
Tags: ,

RUBANO RAME NEL CIMITERO

L’oro rosso fa sempre gola ai ladri. Anche perchè è facile “piazzarlo”. E quale miglior posto del cimitero per rubarlo senza essere visto da occhi indiscreti? Soprattutto se di notte, quando il camposanto è chiuso al pubblico e nessuno, a quell’ora, va a far visita ai propri defunti. Ma al 27enne di Massarosa, Andrea Traviso, è andata male lo stesso. I Carabinieri di Pietrasanta lo hanno infatti beccato in flagrante subito dopo che il giovane aveva asportato circa 60 chili di pluviali e grondaie in rame dal cimitero sulla via Sarzanese. Arrestato e processato è stato condannato.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia) 

Published in: on luglio 30, 2011 at 12:15 pm  Lascia un commento  
Tags: , ,

DICIASSETTENNE TENTA DI RUBARE UN’AUTO DI GROSSA CILINDRATA

Beccato e arrestato. Sono stati i carabinieri della stazione di Pietrasanta a far scattare le manette a un minorenne rumeno, reo di aver rubato un’autovettura di grossa cilindrata. T.PT., di 17 anni, accusato di essersi impossessato di una Bmw, che è già stata restituita al legittimo proprietario, è stato accompagnato presso il centro di prima accoglienza di Firenze, a disposizione delll’Autorità Giudiziaria.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on luglio 13, 2011 at 8:00 am  Lascia un commento  
Tags:

BECCATI A RUBARE LASTRE D’ACCIAIO, IN QUATTRO IN MANETTE

Raffica di arresti domenica notte. A finire in manette, durante un servizio di pattugliamento della zona industriale di Pietrasanta, spesso teatro di furti, posto in essere dai militari dell’Arma della Stazione di Pietrasanta, sono stati quattro cittadini rumeni: Gheorghe e Adrian Livi Costici, rispettivamente di 38 e 18 anni, Daniel Alin Rad, di 19, e F.A.C., minorenne, sono infatti stati sorpresi in flagrante a rubare circa tre quintali di lastre di acciaio – per un valore di oltre 700 euro – all’interno di un’azienda in via Bardiglio. “Gli stranieri – ha precisato il comandante – avevano già caricato il materiale su un furgone e stavano per darsi alla fuga, quando sono stati fermati e arrestati”. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario e gli arrestati maggiorenni processati per direttissima ieri mattina. Il minore è invece stato accompagnato al Centro di Prima Accoglienza di Firenze.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on marzo 29, 2011 at 9:00 am  Lascia un commento  
Tags: ,

RUBANO TV E PATTEGGIANO

Hanno patteggiato un anno e un anno e due mesi i due ladri, di origine napoletana, arrestati pochi giorni fa dai carabinieri di Pietrasanta. Valentino Sodano, di 23 anni, residente a Pomigliano d’Arco, e Francesco Iorio, di 21, residente in Versilia nel comune di Massarosa erano stati fermati dai militari dell’Arma mentre viaggiavano a bordo di una Y10, dentro la quale i carabinieri avevano trovato un televisore LCD da 40 pollici, un Pc portatile Acer di ultima generazione. Non sapendo giustificare il possesso degli oggetti, e traditi dal nervosismo, i due erano stati accompagnati in caserma e gli inquirenti erano risaliti alla villa dalla quale erano stati rubati, una casa a Pedona.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

FURTI IN VILLA, DUE FINISCONO IN MANETTE

Incastrati…dalla tecnologia. Ma questa volta non quella dei filmati delle telecamere a circuito chiuso o dalle intercettazioni, telefoniche o ambientali. Bensì proprio da quella che avevano rubato in un’abitazione. Brillante risultato quello ottenuto dai militari dell’Arma che sono riusciti a rintracciare ed arrestare due ladri, autori di un furto in una casa avvenuto nei mesi scorsi. A finire in manette, all’alba di ieri, sono stati due giovani di origini napoletane: Valentino Sodano, di 23 anni, residente a Pomigliano d’Arco, e Francesco Iorio, di 21, residente in Versilia nel comune di Massarosa. Il bottino, un televisore LCD da 40 pollici, un Pc portatile Acer di ultima generazione e un lettore DVD Samsung sono gli oggetti ritrovati dai carabinieri di Pietrasanta all’interno di una Y10, con a bordo i due malviventi. La pattuglia li aveva notati aggirarsi a Marina di Pietrasanta, e il loro fare sospetto ha indotto i militari a fermarli per un controllo. Non sapendo giustificare il possesso degli oggetti, e traditi dal nervosismo, i due sono stati accompagnati in caserma e agli investigatori è bastato poco per risalire, nell’arco di un paio d’ore, alla casa a Pedona, una piccola frazione del comune di Camaiore, da dove il televisore, il portatile e il lettore DVD erano stati trafugati. L’abitazione oggetto del furto è una villetta utilizzata dai proprietari solo durante il periodo estivo, proprio come tutte le altre prese di mira da una banda di ladri. Scattate le manette ai polsi, e non escludendo che i due arrestati possano essere gli autori degli altri colpi in villa sulle colline di Camaiore, Pietrasanta e Massarosa, Sodano e Iorio sono stati processati per direttissima e trasferiti al carcere San Giorgio di Lucca.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

RUBA AL SUPERMARKET

Albanese, e pregiudicato, è stato arrestato per rapina dai carabinieri della stazione di Pietrasanta. Ndue Laska, di 66 anni, una volta entrato nel supermercato Conad è stato sorpreso dal personale a rubare vari generi alimentari. Uno degli impiegati dell’esercizio commerciale, che ha cercato di fermarlo, è stato colpito e il direttore ha chiamato il 112. All’arrivo dei militari dell’Arma l’uomo è stato ammanettato, portato in caserma, arrestato e processato. La refurtiva è stata recuperata e restituita al legittimo proprietario.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on febbraio 5, 2011 at 11:10 am  Lascia un commento  
Tags:

RAZZIA DI PINOLI AL SUPERMERCATO, ACCIUFFATI TRE LADRI

E’ stata una giornata di attività intensa, quella di ieri, per i Carabinieri della stazione di Pietrasanta che hanno arrestato per furto aggravato tre rumeni, Marinel Dragos, di 34 anni, e due minorenni di soli 17 anni, M.D.Z. e M.A. I tre, con precedenti, sono stati sorpresi all’interno di un supermercato di Pietrasanta mentre cercavano di rubare non i soliti generi alimentari, ma solo ed esclusivamente una “leccornia” costosa, pinoli per oltre 500 euro. O i tre giovani ladri erano golosi … oppure ben sapevano a chi rivendere successivamente la refurtiva. I due minori sono stati accompagnati presso il Centro di Prima Accoglienza di Firenze, mentre il maggiorenne è stato processato al tribunale di Viareggio con rito direttissimo. I militari dell’Arma, impegnati in un consueto servizio di controllo, hanno poi arrestato, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Firenze, Marco Dazzini, un pietrasantino di 56 anni, reo di spaccio di sostanze stupefacenti che dovrà scontare la pena residua di due anni.

Published in: on novembre 25, 2010 at 8:10 am  Lascia un commento  
Tags:

IRRUZIONE IN PINETA, TRE IN MANETTE

Pineta di Ponente passata al setaccio per l’ennesima volta dai militari dell’Arma. Tre arresti sono il bilancio dell’operazione contro l’immigrazione clandestina e il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti portata a termine durante la notte dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Viareggio guidati dal tenente Fabio Truddaiu. A finire in manette sono stati tre marocchini, Azouz Sadik, di 21 anni, Said Jarmouni, di 28, e Aziz Falam di 30. Il primo, alla vista dei carabinieri, ha cercato di scappare, gettando in terra un involucro con dentro 4 grammi di cocaina, già suddivisi in dosi pronte alla vendita, che è però stato subito raccolto dai militari dell’Arma. Dai controlli fotodattiloscopici effettuati in Caserma è emerso che Said Jarmouni era inottemperante al provvedimento di espulsione emesso dal Questore di Lucca mentre Aziz Falam oltre ad aver fornito generalità false ai Carabinieri era rientrato in Italia nonostante un provvedimento di espulsione con accompagnamento alla frontiera, emesso dal Questore di Crotone il 15 ottobre di cinque anni fà. Il cellulare di Azouz Saidik, sottoposto a sequestro dopo il suo arresto, ha continuato a squillare per ore, e a ricevere sms di clienti che lo cercavano per acquistare una dose e i militari dell’Arma grazie ai tabulati telefonici sono riusciti a risalire ai giovani acquirenti, ben 5 tra cui una ragazza di poco più di 20 anni, che saranno segnalati al Prefetto come assuntori.

Durante la notte i carabinieri della stazione di Pietrasanta, diretti dal maresciallo Felice Costantini, hanno invece tratto in arresto per furto aggravato M.P., un 38enne di Vicenza già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, complice il buio, stava cercando di rubare una bicicletta nei pressi della stazione ferroviaira, ma è stato beccato in flagrante e ammanettato. La refurtiva, che e’ subito stata recuperata, è già tornata nella disponibilità del legittimo proprietario.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

CON L’ EROINA IN BOCCA

Torna l’incubo eroina. Considerata da tempo droga “fuori moda”, e nell’opinione comune ormai inutilizzata, è invece ancora presente, soprattutto per una fascia di consumatori meno giovani. Una riprova che sul mercato è ancora tristemente richiesta è anche il sequestro di un etto della terribile sostanza avvenuto sulla Bretella due giorni fa.

Ha rischiato di morire un 38enne di Forte dei Marmi arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale la notte scorsa dai militari dell’Arma della stazione di Pietrasanta. Quando i carabinieri sono entrati in un bar del centro della Piccola Atene lo hanno notato mettersi in bocca qualcosa con fare sospetto. Alla richiesta di mostrare i propri documenti, per un normale controllo, l’avventore ha reagito in maniera piuttosto violenta prima rifiutando di fornire la proprie generalità poi addirittura aggredendo i due militari, procurando a uno di loro una lieve lesione. Bloccato all’istante e portato in caserma gli sono stati trovati in bocca tre grammi di eroina, che se malauguratamente fossero stati ingeriti gli avrebbero provocato una overdose e per D. B. è scattato l’arresto. Il 38enne è poi stato processato per direttissima ieri mattina al Tribunale di Viareggio.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on ottobre 2, 2010 at 11:30 am  Lascia un commento  
Tags: ,