“ARRESTATEMI, FACCIO RAPINE PERCHE’ SONO MALATO PER IL GIOCO D’AZZARDO”

Quando gli agenti di una volante del commissariato di polizia di Forte dei Marmi lo hanno incrociato sul lungomare di marina di Pietrasanta, notando che l’automobilista stava gesticolando al volante della sua auto, sul momento hanno pensato che l’uomo chiedesse aiuto per un malore. Ma l’appello di soccorso riguardava ben altro. “Vi prego, arrestatemi”, è stata la richiesta disperata rivolta ai poliziotti. Motivo? “Sono evaso, e mi voglio costituire. Meglio andare in carcere che continuare questa vita”. Questa la motivazione, con la specifica di essere malato da gioco, video poker e slot machine, tanto da aver contratto persino dei debiti e aver compiuto due rapine in banca. “Stamattina sono uscito di casa per commetterne una terza, ma mi è andata male”, è stata l’ulteriore confessione, “vi prego ammanettatemi”. Insomma, meglio il carcere che continuare quella vita, ed evitare di commettere altri crimini. Accompagnato negli uffici, G.R., spezzino di 49 anni, è risultato avere un provvedimento di obbligo di dimora emesso dal gip del tribunale di Massa dopo una rapina ed è stato riaccompagnato alla sua abitazione.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Annunci

SCARPE TAROCCATE NASCOSTE IN UN AUTO

Sessanta paia di scarpe marca Nike, rigorosamente contraffatta, E altrettante scatole, come quelle dei negozi regolari. Ma è scattato il sequestro. Sono stati gli agenti di una volante del commissariato di polizia di Forte dei Marmi a fermare un nordafricano e a mettere sotto sequestro i pezzi contraffatti. I controlli antiabusivismo, fatti abitualmente nel giorno del mercato settimanale, non si fermano. Prosegue infatti l’attività di contrasto al commercio di griffes taroccate. L’extracomunitario, K.F. 33enne del Senegal, è stato fermato da una pattuglia mentre era a bordo di un’autovettura, e il materiale poi sottoposto a sequestro i poliziotti lo hanno ritrovato nel portabagagli. Tutte scarpe sportive, modello Air Max, e di vari colori, destinate alla vendita illegale. Regolare in Italia, con permesso di soggiorno rilasciato dal Portogallo, per il vu’ comprà è scattata la denuncia a piede libero per commercio di prodotti falsificati. L’auto, invece, risultata di proprietà del fratello che seppur residente in provincia di Bergamo in realtà vive a La Spezia, era gravata da due richieste di fermo amministrativo per bolli non pagati per 2.400 euro e per il senegalese è scattata anche la multa.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

CERCANO DI RUBARE UNA FERRARI

Ignoti nella notte si sono introdotti all’interno dell’attività Rosi Auto, in località Motrone a Marina di Pietrasanta  e hanno cercato di rubare una Ferrari. I ladri sono stati però messi in fuga dal sistema di allarme e dal tempestivo intervento di Polizia e Guardie Giurate. In corso le indagini da parte del Commissariato di  Forte dei Marmi.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on ottobre 20, 2011 at 8:45 am  Lascia un commento  
Tags: ,

SGOMINATA LA BANDA CON IL VIZIETTO DEI ROLEX, IN CARCERE DUE GIOVANI DI NAPOLI

E’ in carcere da ieri mattina la banda dei Rolex. Sono stati gli uomini della Squadra Anticrimine del Commissariato di Forte dei Marmi, coadiuvati dai colleghi della Questura di Napoli, ad arrestare Mariano Martusciello ed Enzo Falanga, di 23 e 24 anni ed entrambi partenopei. In sella ad uno scooter, lo scorso 2 luglio, i due avevano scippato del suo orologio, un Audemar Piquet del valore di 50.000 euro, un turista russo in vacanza. Le volanti si erano subito recate sul posto, la rapina era avvenuta sul viale Morin all’incrocio con via XX Settembre, e i poliziotti avevano acquisito, oltre alle testimonianze, anche le immagini delle telecamere installate dal Comune nelle varie strade del centro. “Dal filmato era ben chiaro il volto di uno dei due giovani che si era allontanato a piedi dopo che aver parcheggiato lo scooter utilizzato per il colpo – hanno spiegato ieri mattina il capo della Squadra Mobile di Lucca Virgilio Russo e l’ispettore capo Mirco Del Chiaro dell’Anticrimine – e questo particolare ha permesso al personale del Commissariato di Polizia di Forte dei Marmi di risalire all’identità”. Lo scooter, poi, era ben riconoscibile dal copri-gambe, particolare questo a dir poco atipico per la stagione estiva, tanto che lo stesso giorno gli agenti lo avevano notato nella zona dell’Apt, con a bordo un giovane che dopo averlo parcheggiato si era allontanato in bici. “Altro indizio importante – ha aggiunto il dirigente della Mobile lucchese – il fatto che i due furono anche fermati nei giorni imminenti lo scippo a Forte dei Marmi da una pattuglia della Polizia Stradale sull’autostrada a Battifolle mentre facevano ritorno a Napoli”. Dagli accertamenti era emersa una condanna per rapina a mano armata del 2006, e anche questo riscontro ha permesso di poter risalire agli autori del furto con strappo dell’orologio al Forte e poi procedere all’arresto per rapina pluriaggravata in concorso. “L’indagine, coordinata dal Pm Antonio Mariotti, è stata complessa – ha aggiunto Virgilio Russo durante la conferenza stampa -, con controlli incrociati e intercettazioni telefoniche”. Gli uomini dell’Anticrimine del Forte dei Marmi erano certi di trovarsi difronte ad una banda specializzata, ben organizzata, e di alta capacità criminale”. Rapinatori in trasferta, in parole povere, che durante la stagione prediligono per i loro colpi le località balneari. “I malviventi – come precisato dalla Polizia – erano soliti compiere dei sopralluoghi nei giorni precedenti il colpo, studiando le abitudini delle vittime, il luogo dove agire e soprattutto la via di fuga”. Per i loro pedinamenti, giusto per non dare nell’occhio, i due rapinatori noleggiavano le biciclette, e giravano per il Forte dei Marmi come normali turisti. Da ieri, però, per loro è finita la “carriera”, e sono finiti in carcere, su ordinanza di custodia cautelare del Gip Giuseppe Pezzuti per rapina pluriaggravata in concorso. Quest’estate sono avvenuti altre rapine di Rolex, e le indagini proseguono per verificare sei i due giovani napoletani siano gli autori anche di questi colpi.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

TROVATO CON COLLANE CONTRAFFATTE, DENUNCIATO

La bella stagione continua, e continuano anche i controlli. Tanto che le pattuglie del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Forte dei Marmi proseguono incessanti la loro attività di contrasto all’abusivismo commerciale e nel corso di un servizio svolto nella mattina di ieri gli agenti della Squadra Volante hanno sorpreso un cittadino extracomunitario che, sceso da un pullman di linea in transito sul viale a mare di Marina di Pietrasanta, è stato trovato con 20 collane contraffatte dentro ad una grossa borsa di tela. I poliziotti gli hanno sequestrato anche altri due sacchi contenenti prodotti, borse, portafogli ed orologi. L’uomo, N.S. Di 56 anni, , è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria per il commercio di prodotti falsi.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on ottobre 5, 2011 at 8:10 am  Lascia un commento  
Tags:

BECCATO CON L’ASSICURAZIONE DELL’AUTO FALSIFICATA

Fermato per caso a Seravezza dalla Polizia a bordo della sua auto, l’uomo è finito nei guai. Sono stati gli agenti di una volante del Commissariato di Forte dei Marmi a procedere al controllo di un’autovettura condotta da un cittadino extracomunitario, che è poi risultata sprovvista dell’Assicurazione obbligatoria. L’auto, di proprietà ,è risultata tra l’altro colpita da tre provvedimenti di fermo amministrativo per crediti vantati da enti diversi per circa 20.000 euro. Il conducente, T.A.S. di 31 anni, cittadino senegalese, risultato privo del permesso di soggiorno, già noto alle Forze dell’Ordine e colpito da un provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto di Lucca, con conseguente Ordine del Questore di Lucca a lasciare l’Italia è stato sanzionato con una multa di circa 1.600 euro- L’auto è stata sottoposta a fermo amministrativo e affidata ad autofficina autorizzata per la custodia mentre il T.A.S. è stato denunciato a piede libero.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on ottobre 5, 2011 at 8:05 am  Lascia un commento  
Tags:

TRAGEDIA FAMILIARE, GIOVANE SI TOGLIE LA VITA

Tragedia familiare, in un’abitazione a Querceta, nel comune di Seravezza. E’ stata la madre a trovare il corpo ormai senza vita del figlio. Il giovane, di 33 anni, si era ritirato nella sua stanza da letto, e quando la mamma si è affacciata nella stanza per dargli la buonanotte non lo ha trovato a letto. L’occhio è andato subito alla porta del bagno, lasciata semi aperta. Ed è stato li che ha trovato il figlio, morto. Il 33enne si era costruito un cappio con i lacci delle scarpe e si era impiccato ad un porta asciugamani. Immediata la chiamata al 118 e al 113, e sul posto sono intervenute immediatamente un’ambulanza e una volante del Commissariato di Polizia di Forte dei Marmi. Per il giovane, che in passato aveva già tentato di togliersi la vita, non c’era più niente da fare e al medico non è rimasto altro che compilare il certificato di morte. La salma, dopo il nulla osta del magistrato di turno, è stata composta nell’obitorio dell’Ospedale Unico “Versilia”.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on settembre 30, 2011 at 9:00 am  Lascia un commento  
Tags: ,

VIOLENTA RISSA IN UNA DITTA DI MARMI

Violenta rissa alla ditta di marmo Sermattei a Corvaia, nel comune di Seravezza. Un autotrasportatore di La Spezia di 49 anni, M.A.le sue iniziali, si è presentato in azienda, pare per sistemare una questione di soldi, e dopo un’animata discussione con il titolare, A.S.di 53 anni, i suoi due figli di 23 e 28 anni, è scattata l’aggressione. Il camionista è stato colpito alla schiena con un bastone di ferro, di quelli che vengono utilizzati per spostare le lastre di marmo. La vittima, trasportata al Pronto Soccorso dell’Ospedale Unico “Versilia”, ha riportato ferite giudicate dal personale medico guaribili in una quindicina di giorni, mentre gli altri tre hanno subito ferite meno gravi. Sul posto sono intervenute due volanti del Commissariato di Polizia di Forte dei Marmi, i cui agenti hanno denunciato per rissa i quattro contendenti.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on settembre 29, 2011 at 9:10 am  Lascia un commento  
Tags: ,

TOSAERBA TROVATO SU CAMION RUBATO

A.A.A., legittimo proprietario cercasi. A lanciare l’appello è il commissariato di polizia di Forte dei Marmi, dopo che gli agenti di una volante, la mattina dello scorso 23 settembre scorso, hanno ritrovato a Pietrasanta un veicolo risultato rubato – un furgone Fiat Scudo Maxi di proprietà di un cittadino residente nel Comune di Ortonovo nella provincia di La Spezia . Il mezzo era stato abbandonato da ignoti ladri che si erano recati sul posto per rubare attrezzi agricoli. Nel caricare una motozappa sul furgone allo scopo di rubarla, un’asse utilizzato per fare scorrere le ruote si era rotto e l’attrezzo agricolo era rimasto incastrato, impedendo di compiere il furto con la dovuta fretta. E’ stato questo fatto, presumibilmente, a far desistere i ladri, che se la sono data a gambe levate, abbandonando tutto quanto, compreso un decespugliatore professionale marca Echo che si trovava a bordo. Il furgone, di proprietà di una ditta di Ortonovo, è stato restituito ai legittimi proprietari mentre il decespugliatore è custodito negli Uffici della Squadra Volante del Commissariato di Forte dei Marmi a disposizione del legittimo proprietario, che attualmente è rimasto sconosciuto.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia) 

Published in: on settembre 27, 2011 at 9:20 am  Lascia un commento  
Tags:

LADRI SCATENATI RUBANO VIDEOPOKER A SERAVEZZA

Era notte fonda, le 3,40 di ieri, quando la Sala Operativa del Commissariato di Forte dei Marmi ha ricevuto una segnalazione da parte di alcuni testimoni: ignoti si erano introdotti nel bar Barabba di Seravezza e con notevole rapidità avevano prelevato tre videogiochi e la macchinetta cambia/monete presenti nel locale, caricandole su un furgone bianco fuggito in direzione monti. La Volante che si trovava in servizio di pattugliamento nel centro di Forte dei Marmi, in pochi minuti, e a sirene spiegate, ha raggiunto il luogo e iniziato le ricerche degli autori del furto, purtroppo senza esito. Durante la mattina una volante è dovuta tornare a Seravezza, in località Malbacco, dove nel letto asciutto del torrente Serra, era stato ritrovato l’autocarro Fiat Daily utilizzato per commettere il furto al bar Barabba. Il mezzo, risultato rubato il 20 agosto scorso ad un cittadino residente a Pietrasanta, dopo aver lasciato la via Monte Altissimo, ha percorso per circa 100 metri il letto asciutto del Torrente Serra ed è stato abbandonato sotto la vegetazione, non visibile dalla strada. All’interno del cassone i poliziotti hanno ritrovato un videogioco, apparentemente integro e completo del suo contenuto, e lungo il letto del fiume sono stati rinvenuti, a poca distanza uno dall’altro, gli altri videogiochi e la macchina cambia/soldi forzati, ed alcune monete lasciate a terra. Nel cassone del mezzo c’ erano anche due pali di ferro lunghi circa 150 centimetri, una tronchese e un piccone, tutto materiale appartenente al proprietario del mezzo. Dopo i rilievi di rito l’autocarro è stato restituito al legittimo proprietario che avvisato è giunto sul posto, mentre il materiale rubato al bar Barabba è stato riconsegnato al responsabile della ditta di noleggio. Un cittadino residente nella zona del rinvenimento del mezzo, poco dopo, ha segnalato alla Polizia di aver trovato una federa (rubata dal suo terrazzo) contenente svariate monete di vario taglio, abbandonata ai piedi di un albero nella sua proprietà, lungo la strada che conduce al Torrente Serra. E gli agenti intervenuti hanno appurato che la federa conteneva la somma di 1890 euro, ossia parte della refurtiva prelevata dalle macchinette, presumibilmente abbandonata dai ladri a causa della presenza della Volante della Polizia nella zona, dopo il furto. La somma di denaro veniva restituita al responsabile della ditta di noleggio dei videogiochi, mentre sono in corso le indagini da parte del personale della Squadra Anticrimine del Commissariato di Forte dei Marmi per individuare gli autori del reato.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on agosto 26, 2011 at 8:30 am  Lascia un commento  
Tags: , ,