GLI “INDIGNATI” PARTONO DA VIAREGGIO PER PROTESTARE CONTRO LUNARDINI E IL CAVALIERE

Verso il 15 ottobre”. Tutti pronti per partire per Roma, anche da Viareggio: le adesioni sono già centinaia. Lavoratori, disoccupati, studenti, tutte le forze della sinistra, e la Fiom Cgil. E per annunciare la “manifestazione globale degli indignati” che si svolgerà per le vie della capitale, ieri mattina si sono ritrovati in molti sotto al municipio, con tanto di striscioni. “Lunardini dimissioni”, una delle frasi impresse sui grandi lenzuoli bianchi, perchè “le politiche dell’amministrazione comunale sono in linea con le decisioni del governo centrale, tagliano le spese al sociale”. E le cose che non vanno a Viareggio, sono anche altre, come precisato dai manifestanti: “dagli edifici scolastici abbandonati a se stessi, al degrado ambientale e alla sicurezza”. “Sono state aumentate le tasse, dall’addizionale Irpef alla tariffa sui rifiuti, – aggiungono -, mentre numerosi cittadini si trovano in condizioni di indigenza e impossibilitati a pagarsi un affitto”. Davanti al “Palazzo”, come tutti i giorni, la fila delle persone in attesa di una risposta dal Sociale è lunga. Come la mamma di due bambini piccoli, di 2 e 4 anni, che non sa dove sbattere la testa per trovare un posto per dormire con i suoi figli. “Mi hanno detto di tornare la prossima settimana – racconta avvilita -, ma fino ad allora dove vado?”. “Sono numerose le case popolari non assegnate a causa della negligenza degli uffici competenti – affermano i manifestanti pronti a dire la loro anche a Roma -, e ormai l’indignazione è totale”. “A pagare la crisi siano quelli che l’hanno provocata”. E questo sarà il grido di protesta a Roma il 15 ottobre. Chi si vuole prenotare per un posto in pullman può rivolgersi alla Cgil.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Annunci
Published in: on ottobre 7, 2011 at 8:15 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

TURISMO SULLA MARINA, SUMMIT IN COMUNE PER PARLARE DI SICUREZZA: GAYLIB E NON LA BEVO OGGI DAL SINDACO

Il turismo sulla Marina di Torre del Lago ancora al centro del dibattito, Ad incontrare il sindaco Luca Lunardini, questa mattina, sarà la referente toscana di GayLib Luisella Audero e al summit sarà presente anche l’associazione “Non la bevo”. “Abbiamo chiesto di parlare con il primo cittadino d Viareggio – precisa l’esponente di Gaylib – per sottoporgli la proposta di un tavolo operativo di discussione relativamente ai problemi di sicurezza e ordine pubblico sulla Marina di Torre del Lago”. E insieme a Luisella Audero sarà presente nella stanza del sindaco anche il presidente dell’associazione “Non la bevo”, lo psicologo Emanuele Palagi. All’incontro sono stati invitati anche l’Ente Parco Migliarino San Rossore e i rappresentanti delle Forze dell’Ordine. “E’ questo il primo passo di un percorso che ci auguriamo accoglierà amministratori e gestori delle attività che incidono sulla Marina di Torre del Lago – ha dichiarato Luisella Audero – per trovare, come auspichiamo, una soluzione che metta d’accordo le varie “anime” istituzionali, commerciali e sociali affinchè sulla Marina si possa tornare a divertirsi in tutta sicurezza”.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on settembre 9, 2011 at 9:00 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

REGINA E DE GIORGI DAL SINDACO PER APRIRE UN TAVOLO

Disponibile ad un tavolo di lavoro, per organizzare al meglio la prossima stagione”. Summit a porte chiuse ieri mattina nella stanza del primo cittadino con Regina Satariano e Alessio De Giorgi del Friendly Versilia, ma Lunardini avrebbe accolto con interesse le richieste dei due esponenti, caldeggiate da una lunga lista di attività torreleghesi e viareggine, di affrontare i vari problemi che soprattutto in questa ultima estate hanno acceso i riflettori della cronaca locale. Tematiche, tutte, che sono state messe nero su bianco in una lettera aperta, inviata anche alla stampa, e indirizzata oltre che al sindaco alla Regione, alla Provincia e al Prefetto di Lucca. I punti “neri”, su cui trovare soluzione, la sicurezza, l’abusivismo e lo spaccio, gli orari della musica e i controlli, oltre a una serie di altri problemi non minori. “Troppi furti, troppe aggressioni, troppa microcriminalità specie nella notte sulla marina di Torre del Lago – scrivono De Giorgi e Regina nella loro lettera – stanno allontanando la nostra clientela. Basta passeggiare sulla corsia lato mare del viale Europa, o tra le dune, per capire di cosa parliamo”. Fenomeno questo ben conosciuto a tutti, e anche alle Forze dell’Ordine. Anche se non tutti gli episodi di microcriminalità vengono denunciati: “gli aggrediti – precisano i due esponenti del Friendly – sono spesso omosessuali che, si sa, tengono molto alla loro riservatezza e non sempre purtroppo sono pronti a denunciare quanto accaduto alle forze di Polizia, ma si sta diffondendo anche fuori Toscana che Torre del Lago non sia più una meta sicura”. Il turista, ovviamente, ha bisogno di sicurezza, e la mancanza ammazza il turismo. Quanto alle “retate” De Giorgi e Regina evidenziano che sono state troppo poche, “meno delle dita di una mano”, a fronte invece di una una dozzina di controlli ricevuti da ogni locale. “Basta con questa isola felice che questa criminalità si è infelicemente ritagliata”. Quanto agli orari il chiudere la musica alle 3 di notte, vista la zona priva di abitazioni, le richieste sono di poter arrivare almeno fino alle 5. Vedremo se almeno questa volta ci si muoverà per tempo per arrivare alla prossima estate senza gli stessi problemi che, puntuali, ritornano ogni stagione almeno da dieci anni. Gli imprenditori hanno investito, e sono pronti ancora ad investire, ma l’appello ora è alle Istituzioni: “con l’aiuto delle Forze dell’Ordine, se vogliono, possono salvare questo angolo di Europa in Italia”.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on settembre 8, 2011 at 9:20 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

CADE IN UNA MATTONELLA SCONNESSA DI PIAZZA D’AZEGLIO

Buche e marciapiedi sconnessi. Il capitombolo è in agguato a Viareggio. Ma il comune che fa? Ormai siamo a fine estate, si può dire, ma nessun lavoro è stato fatto per mettere in sicurezza dove i pedoni transitano. E se a cadere è un anziano possono essere guai seri. Anche se questa volta il danno per la caduta in piazza D’Azeglio l’ha subito una cinquantenne che si è letteralmente sfracellata un ginocchio. Nessuna rottura ossea, per fortuna, ma contusione e versamento. La donna, carte mediche alla mano, si è già rivolta ad uno studio legale dando mandato al suo avvocato per mettere in mora l’amministrazione comunale e chiedere il risarcimento danni.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on agosto 24, 2011 at 7:00 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

CERCA DI DARSI FUOCO, MA L’ACCENDINO FA CILECCA

Dramma sfiorato ieri mattina davanti al municipio di Viareggio: senza casa né lavoro, e in preda alla disperazione, un uomo ha cercato di darsi fuoco, ma per sua fortuna l’accendino non funzionava. E.K., originario della Tunisia, residente in città ma di fatto senza fissa dimora, si è cosparso di benzina i capelli e i vestiti e ha cercato di togliersi la vita bruciandosi. Subito assistito da una donna appena uscita dal palazzo comunale sono stati i carabinieri, dopo una lunga trattativa, a convincerlo a consegnare la bottiglietta d’alcol e a desistere dall’insano proposito di farla finita. L’immigrato, da tempo, è costretto a dormire in strada e non ha i soldi necessari per comprarsi un biglietto di treno per recarsi a Bologna dove vive il figlio di soli 10 anni e l’ex compagna. In evidente stato confusionale l’aspirante suicida è stato accompagnato al Pronto Soccorso dell’Ospedale Unico “Versilia” da un’ambulanza della Misericordia per gli accertamenti del caso.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on agosto 19, 2011 at 9:30 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

CRISI ECONOMICA, MANNAIA ANCHE SUI CARRI DEL CARNEVALE: COMPENSI TAGLIATI DEL 10%, ACCONTI DA GENNAIO

La mannaia della crisi si è abbattuta anche sul regno di Burlamacco. E così, ieri mattina, i vertici della Fondazione Carnevale hanno riunito i carristi nella sala dell’Apt per ufficializzare tagli e formule di pagamento per le costruzioni del 2012. Da settimane se ne parlava a più livelli. E ieri Santini, Pieraccini e Bonuccelli hanno messo nero su bianco la proposta della Fondazione per il nuovo anno. Che è presto detta: taglio del 10 per cento nei compensi di tutte le categorie di concorso e inizio del pagamento dal 20 gennaio. Ultima trance il 6 marzo. Il pagamento di un carro grande come sarebbe? Ventimila euro il 20 gennaio, altrettanti il 13 febbraio, 30mila il 25 febbraio, 13.200 il 6 marzo. Per un totale di 103.200 euro più Iva, ossia 123.840 euro. Stesse scadenze, ma cifre diverse, per un carro piccolo il cui costo totale sarà di 51.600 euro e con l’Iva 61.920. Per le mascherate contributo totale di 25.560 euro. Rata finale del 10 per cento per tutti al 3 aprile. Totale delle spese per la cartapesta: 2.256.120 euro. Il tutto è la conseguenza della riduzione dell’emolumento dell’amministrazione comunale verso il Carnevale. Il Comune taglia di 300mila euro i due milioni e 80mila che dava ogni anno. Scendendo la cifra a un milione e ottocentomila di conseguenza la Fondazione ha dovuto ricalibrare il bilancio di previsione al ribasso. Il taglio nelle spese complessive di allestimento del Carnevale è di 600mila. Di questi 400mila in meno nelle spese generali (come ufficio stampa, comunicazione e spazi pubblicitari) e duecentomila euro in meno dalla cartapesta, ovvero dai carri. Mannaia anche sulle feste rionali che adesso rischiano davvero di sparire. Il contributo per le feste notturne viene infatti praticamente azzerato. Dai 75mila euro si passa a 10mila per l’allestimento di tutti i baccanali, carrette comprese. Questo per via anche della recente sentenza della cassazione che fa del Carnevale un ente pubblico e quindi come tale impossibilitato a dare contributi a privati, quali sono i comitati rionali. I tagli, ovviamente, non sono andati giù ai costruttori, tanto meno la mancanza di anticipi dall’inizio dei lavori fino al 20 gennaio, cioè a carro quasi completato. La Fondazione dal canto suo ha spiegato che la firma del contratto per la costruzione del carro varrà come documentazione che permetterà alle ditte artigiane di farsi anticipare i soldi dalle banche per la costruzione dei giganti di cartapesta. Ma a questo i maghi non ci stanno: chi pagherà gli interessi di questi prestiti? Come fare con i fornitori di materiale? e con i dipendenti? dovranno essere licenziati? Interrogativi lasciati in sospeso. Anche perchè la riunione non è terminata con una decisione. La Fondazione di fatto ha presentato la sua proposta e messo sul tavolo la situazione economica di crisi che interessa tutti i settori del Comune, dal sociale alla cultura. Quindi anche il Carnevale. Ma proprio davanti alla situazione emersa la stessa Fondazione ha chiesto ai carristi di fare una controproposta unitaria. Nel pomeriggio il summit dei maestri della cartapesta.

I carristi:: “Proposte inaccettabili”.

Per ora nulla di deciso dalla Cittadella. Ma la posizione dei carristi è netta, e chiara:”le proposte della Fondazione sono inaccettabili”. “Con questi tagli significa sfare il bando”, Questo è quanto emerso dal lungo pomeriggio di discussione tra le maestranze del Carnevale ieri in Cittadella. Dalle 15 alle 18 tre ore di riunione e confronti per capire cosa fare e come comportarsi difronte alle proposte della Fondazione di tagliare i compensi e iniziare a pagare a partire dal 20 gennaio. La nuova assemblea di maestri carristi è fissata per domani alle 15, sempre in Cittadella. Sarà l’occasione per stilare un documento che si preannuncia piuttosto duro, da sottoporre alll’ente di Palazzo delle Muse.


(Il Nuovo Corriere di Lucca e  Versilia) 

Published in: on agosto 18, 2011 at 8:00 am  Lascia un commento  
Tags: ,

GUERRA AI LOCALI ANCORA SENZA SOLUZIONE, INTERVIENE CONFESERCENTI

I locali delle due marine, in buona parte si sono adeguati al Regolamento che prevedeva di dotarsi di impianti a pioggia o sistemi in grado di ridurre la rumorosità. “Come Confesercenti abbiamo sollecitato e stiamo sollecitando i vari locali ad adeguarsi alla normativa – afferma il direttore Alessandro Cerrai -, quello che abbiamo sempre sostenuto, come si vede dalle osservazioni presentate formalmente, era la non condivisione del concetto “non udibile dall’esterno”, convinti che avrebbe aperto contenziosi e problemi tra locali e Amministrazione”. Tra le proposte avanzate dall’associazione di categoria c’era anche una formulazione migliore del penultimo comma dell’articolo 3: “ritenevamo che, come purtroppo sta accadendo, avrebbe portato ad una impossibilità di fare intrattenimento musicale – se non dietro investimenti ingenti – anche per i pubblici esercizi che, per il basso livello dei volumi, la quantità di pubblico coinvolto e la tipologia di musica, non hanno mai dato fastidio a nessuno”. E in questo senso Confersercenti si riferiva ai piccoli karaoke, come il Priscilla, colpito dall’ordinanza di chiusura a mezzanotte per aver preso due multe mentre stava installando l’impianto a pioggia, bar o ristoranti con orchestrine e così via, specie se non vicini ad abitazioni. Ma il direttore Alessandro Cerrai ricorda anche di aver posto l’accento sulla questione degli orari. “ rimaniamo convinti che la chiusura alle 3 della musica all’esterno sia troppo penalizzante per una località turistica come Viareggio, specie nei mesi di luglio ed agosto”. Ma intanto dal Comune ancora nessuna notizia circa l’annullamento della sanzione inflitta ormai da una settimana al locale di Regina Satariano, nonostante gli interventi dei legali e le “voci” che la situazione era in via di risoluzione. “Il sindaco mi ha detto che forse la vicenda sarà risolta domani – afferma Regina -, ma intanto ho dovuto mettere a casa ben cinque dipendenti”. Senza contare che la titolare del Priscilla ha comunque investito diverse migliaia di euro per l’acquisto e l’installazione dell’impianto a pioggia. E da ieri anche Alessio De Giorgi e Cristian Panicucci, titolari del Mamamia e Stupid!A, hanno iniziato lo sciopero della fame: “la vicenda del Priscilla doveva già essere risolta – scrive De Giorgi – ma oggi (ieri, ndr) abbiamo avuto l’ennesima fumata nera”.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on agosto 11, 2011 at 7:15 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

IL CASO DELLA MARINA, IL SINDACO ANNUNCIA: “IL RAVVEDIMENTO OPEROSO POTREBBE FUNZIONARE”

“”Il ravvedimento operoso potrebbe essere tradotto in azioni amministrative”. E’ quanto ha prosepettato il sindaco Lunardini in attesa di incontrarsi, oggi, con l’avvocatessa Iascone di ritorno dalle ferie. “Ci siamo sentiti per telefono – ha annunciato Lunardini – mi ha prospettato soluzioni praticabili”.  Mentre resta ancora in forse il ferragosto lungo, come l’ha soprannominato il sindaco: “non è ancora chiara la tempistica, probabilmente firmerò un’ordinanza specifica che però non è ancora pronta”. La firma potrebbe avvenire anche oggi, i tempi per il ferragosto sono già piuttosto stretti.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on agosto 9, 2011 at 8:00 am  Lascia un commento  
Tags:

REGINA E DE GIORGI FANNO SCIOPERO DELLA FAME, PANICUCCI SI SOSPENDE LE CUR MEDICHE: TUTTI CONTRO LO STOP A MEZZANOTTE DEL PRISCILLA E DEL MOVIE

Sciopero della fame e un’ora di stop della musica, domani notte dalle 1 alle 2, per protesta. Protesta contro quello che viene definito “un atteggiamento repressivo esclusivo nei confronti dei locali della marina di Torre del Lago. Regina Satariano, Alessio De Giorgi e Christian Panicucci, rappresentanti del Consorzio Friendly Versilia, sono letteralmente infuriati dopo l’ordinanza del Comune di Viareggio per la chiusura a mezzanotte, per tre mesi, del Priscilla Cafè e del Movie. In particolare Regina Satariano, presidente del Consorzio e proprietaria del Priscilla assieme al compagno Luca Paone, ha spiegato, durante la conferenza stampa al suo locale, di essersi messa in regola tra la prima e la seconda contestazione della Polizia Municipale, una del 18 giugno a mezzanotte e 40 minuti, l’altra il 17 luglio alle 2.50. L’annuncio è quello di un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale, confidando nel “ravvedimento operoso” da parte del Palazzo. Gli uffici delle attività produttive del Comune, come sottolineato dai rappresentanti del Conosorzio Friendly, dovrebbero aiutare i locali e non mettere loro i bastoni tra le ruote. Nel frattempo però gli esercizi sanzionati rispetteranno quanto stabilito dall’ordinanza, ma lo sciopero della fame di Regina Satariano e di Alessio De Giorgi, la sospensione delle cure mediche da parte di Cristian Panicucci, e lo stop della musica dall’una alle due di notte di domani da parte delle attività che aderiranno alla protesta, sono confermati. “Senza parlare di omofobia – ha affermato il patron del Mamamia – il sospetto è che ci sia una regia per portare alla morte la marina di Torre dal Lago”. “Notiamo un accanimento molto sospetto – ha aggiunto -, dalla vicenda del terrazzo al ballo dentro e ora con il Priscilla, ci sono anche giunte voci di ambienti cattolici offesi da frasi dei nostri vocalist”. Abusivismo, spaccio e furti sono cresciuti in numero, ma “i sorvegliati speciali rimaniamo solo noi”, hanno lamentato gli imprenditori. La risposta del sindaco Luca Lunardini è semplice: “il 25 maggio il consiglio comunale ha varato in accordo con le categorie economiche il regolamento che permette la musica fino alle 3 all’estero e alle 4 all’interno dei locali, qualora dotati di strumenti idonei. Se si verificano due infrazioni” conclude il primo cittadino “scatta la chiusura a mezzanotte. Del regolamento è stata data ampia notizia”. Regina, dal canto suo, sostiene che delle due infrazioni ha appreso solo al momento della notifica dell’ordinanza di chiusura: “condannata senza nemmeno un avviso di garanzia”.“Anzichè difendere i locali della sua città – afferma De Giorgi in una nota inviata alla stampa nel tardo pomeriggio -, locali che portano cultura, spettacolo, ricchezza e turismo, il sindaco ha pensato invece di ricevere dopo di noi un imprenditore lucchese che a quei locali sta facendo guerra a suon di esposti: questa è una precisa scelta politica”. I dipendenti, ben 12, hanno presidiato per tutta la mattina l’ingresso del Municipio e lo striscione parla chiaro: “Se chiude il Priscilla, noi saremo disoccupati”.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)


SICUREZZA IN SPIAGGIA, SORVEGLIANZA AL VIA ALLA LECCIONA

Servizio di sorveglianza balneare alla Lecciona? Si parte. Da domani sulla spiaggia libera tra Viareggio e Torre del Lago ci saranno 7 bagnini, più una riserva, a garantire la sicurezza dei bagnanti. Tre le postazioni dislocate nei tre chilometri di arenile. Il servizio è stato affidato alla Blu Service di Pier Luigi Teani. Cosa “assurda”, vista la richiesta di lavoro in questo periodo di crisi, che al bando di gara “informale” per l’affidamento del servizio non ha partecipato nessun’altra azienda.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia) 

Published in: on luglio 22, 2011 at 9:00 am  Lascia un commento  
Tags: , ,