MUSICA FUORI ORARIO, MULTE E POLEMICHE

.... 376Multe sulla Marina di Torre del Lago: la polemica pare non cessare. Dopo la querelle dei 16.700 euro per il servizio straordinario dei Vigili Urbani durante la cinque giorni del Mardì Gras, è Regina Satariano del Priscilla Caffè a scendere in campo, anche a nome del Consorzio Friendly Versilia, del quale la stessa è Presidente. “Trovo anomala la richiesta di dati, e l’essere stata portata a conoscenza di un illecito a distanza di ben dodici giorni dal fatto – ha affermato ieri mattina. “Il dubbio nasce spontaneo dopo i fatti accaduti con gli organizzatori del Festival Gay”. La polizia municipale avrebbe riscontrato musica fuori orario intorno alle tre di notte del 2 agosto scorso e solo il 14, quasi due settimane dopo, a quanto riferisce Regina, i vigili le avrebbero fatto visita per informarla che nei prossimi giorni le verrà notificato un verbale di circa cinquecento euro. “Ritengo che sarebbe stato opportuno entrare nel mio locale, invitarmi a spegnere la musica ed informarmi della futura sanzione – ha commentato dispiaciuta, aggiungendo che la cosa sarebbe accaduta anche ad altri locali, tra i quali anche alcuni stabilimenti balneari. A nome del Consorzio Friendly Versilia, la presidente ha già chiesto un incontro con il sindaco Luca Lunardini, con il comandante della Polizia Municipale Vincenzo Strippoli, con l’Assessore al Tursimo Pierluigi Cinquini e con il presidente della Confesercenti “per capire meglio quali sono i limiti ed eventuali deroghe, se possibili, in occasioni di periodi come quello estivo dove eventi e risorse sono maggiormente concentrati”. Il summit dovrebbe essere fissato nei prossimi giorni.

Letizia Tassinari

il-nuovo-corriere-della-ver

Annunci

COMUNI UNITI CONTRO L’ABUSIVISMO: COLLEGATE LE POLIZIE MUNICIPALI

Accordo a quattro. Giampaolo Bertola, Umberto Buratti, Massimo Mallegni e Luca Lunardini hanno siglato ieri mattina il protocollo di intesa per il piano di collaborazione tra le amministrazioni comunali di Camaiore, Forte dei Marmi, Pietrasanta e Viareggio per il controllo dell’abusivismo commerciale sulla fascia di territorio litoranea. Come ogni anno durante la stagione estiva il fenomeno dell’abusivismo commerciale aumenta notevolmente “creando disagi e disturbi per il tessuto commerciale e turistico”.

Da qui l’idea di creare un’interforze tra i delegati dei Comandi della Polizia Municipale dei quattro comuni lucchesi della fascia litoranea che va da Forte dei Marmi a Viareggio. Idea nata lo scorso 10 giugno durante una seduta tenutasi alla casa comunale di Camaiore, tra i quattro sindaci e i quattro comandanti dei vigili urbani. Centro destra e centro sinistra insieme, per abolire i confini e interfacciarsi negli stessi compiti di prevenzione, controllo e tutela del territorio “versiliese”. L’unione fa la forza, insomma. E i quattro comandi di Polizia Municipale, da oggi stesso, potranno operare tutti uniti per combattere l’abusivismo. Prima volta in Toscana. Anzi, prima volta in Italia, forse, che quattro comuni limitrofi firmino un accordo ed uniscano le proprie forze, quasi in un unico corpo di polizia. Sotto la supervisione della Prefettura di Lucca.Versilia “capofila” e “che sia da esempio per tutti – ha detto Lunardini. Un primo passo per quello che è il sogno di alcuni? “ La provincia della Versilia” potrebbe non essere lontana, almeno nei progetti e nelle idee di realizzarla. L’accordo appena firmato nella stanza del Sindaco Bertola ne è la palese dimostrazione. “ Si abbatterebbero i costi – ha affermato Massimo Mallegni. Non solo creando un corpo unico di Polizia Municipale”. E quando lo dice fa riferimento a Stazzema, dove c’è un piccolo comando con due vigili. “ Dovremmo tutti fare un piccolo passo indietro per potere poi fare un grande passo in avanti – sostiene il sindaco di Pietrasanta. “Io sono pronto a rassegnare le dimissioni. Sette dimissioni – sette sono i comuni di qua dal monte – sarebbero quanto necessario per una migliore prospettiva futura”. Mallegni se lo afferma ne è convinto. Ma gli altri rinuncerebbero alla poltrona? Dei restanti sei sindaci, ieri a palazzo comunale ne erano presenti tre, i firmatari dell’accordo “intervigili”. Nessuno ha commentato. Chi tace acconsente. Tutti d’accordo? O chi tace sta semplicemente zitto? L’accordo appena firmato è comunque un buon inizio. Il coordinamento permetterà di assicurare una presenza continuativa. Senza limitazioni di competenze territoriali.

Per ciascuna amministrazione è stato individuato un responsabile del Comando di Polizia Municipale al quale fare riferimento e che sarà autorizzato a sviluppare, programmare e coordinare le attività inerenti al progetto. Vasco Comaschi, Claudio Barsuglia, Giovanni Fiori e Enzo Foraboschi la rosa a quattro. Per ora, in via sperimentale, la collaborazione sarà sviluppata in un periodo di quattro mesi nei quali saranno programmati servizi idonei per la vigilanza, in modo tale che ciascuna amministrazione, in occasione di particolari esigenze e servizi mirati, possa fornire personale proprio a supporto del Comando di Polizia Municipale operante. Mensilmente i responsabili comunicheranno ai propri Sindaci i risultati dei servizi e al termine del progetto saranno le Amministrazioni Comunali a comunicare alla Prefettura di Lucca l’esito degli interventi effettuati. Dopo questi primi quattro mesi di rodaggio vedremo.

Letizia Tassinari