ALLA SCOPERTA DELL’ANTICO MESTIERE DI CAVATORE

Grande successo per la iniziativa organizzata dal Comune di Stazzema in occasione della Festa della Toscana che ricorda l’abolizione della pena di morte avvenuta il 30 novembre del 1786 (per la prima volta al mondo) ad opera del Granduca di Toscana, e  ribadisce il proprio impegno per la promozione dei diritti umani, della pace e della giustizia, elementi costitutivi dell’identità della Toscana. Il tema era quest’anno le arti e i mestieri e il Presidente del Consiglio Comunale di Stazzema, Sauro Mattei e l’ufficio scuola del Comune, hanno predisposto una iniziativa presso il locale Istituto Scolastico Comprensivo di Pontestazzemese sul tema delle Cave e dei cavatori denominata “Le mani nel marmo”, per illustrare lo sviluppo nei secoli di un mestiere che ha fatto la storia delle vallate e delle montagne dello Stazzemese dai tempi antichi fino ad oggi. Ad  interagire con le classi delle scuole secondarie è stato lo stesso Presidente del Consiglio Comunale Sauro Mattei, cavatore di professione, che ha raccontato vicende di vita vissute in 30 anni passati nelle cave, ma anche come il mestiere si è evoluto negli ultimi anni. Oltre 100 ragazzi hanno potuto vedere e toccare gli strumenti che servivano in passato e come si sono trasformati grazie alla raccolta di oggetti, corde, puntelli, subbie, fili diamantati, mazzette, caschi di oggi e di ieri che era stata allestita dallo stesso Mattei che ha composto un piccolo Museo delle cave che ha riscosso grande entusiasmo. I ragazzi hanno fatto molte domande e hanno seguito con grande passione l’esposizione di Mattei che ha ripercorso anche la storia di tanti diritti conquistati dai cavatori grazie anche a figure di spicco come Vasco Zappelli. Grande attenzione ha suscitato anche il filmato che è stato proiettato che ha raccontato la storia che è la storia di tutta una comunità. Si è deciso di mantenere per qualche settimana il museo allestito per dar modo di replicare con altre classi l’iniziativa. Un particolare ringraziamento Mattei ha inviato alle insegnanti che avevano preparato i ragazzi, al Dirigente Scolastico, Roberto Cecchi. Un saluto dell’Amministrazione è stato portato anche dall’Assessore alla scuola, Egidio Pelagatti e dal Sindaco Ing. Michele Silicani, che pur non potendo presenziare, ha inviato un messaggio di saluto e di partecipazione all’iniziativa.

E’ stata una bella soddisfazione parlare con tanti ragazzi dei nostri paesi”, commenta Sauro Mattei, “e con il piccolo finanziamento che ci ha dato la Regione Toscana per  questa celebrazione inserita nel programma regionale porteremo a primavera tutti questi ragazzi a vedere una cava dal vivo. E’ stata una bella giornata per tutta la nostra comunità”.