“MODIFICARE LA LEGGE VIAREGGIO”, PRESIDIO DI ASSEMBLEA 29 GIUGNO IN MUNICIPIO. IL SINDACO CHIAMA LA BERGAMINI

Tanto tuonò che piovve. Il presidio di ieri mattina organizzato sotto il Comune di Viareggio da “Assemblea 29 giugno” e alcuni familiari delle vittime della strage ferroviaria di via Ponchielli ha sortito gli effetti voluti: il sindaco Luca Lunardini ha ricevuto una delegazione per parlare dell’ormai nota Legge Viareggio. Unità di intenti, quella emersa, per risolvere le questioni legate alle elargizioni. Attraverso la normativa, nata sulla falsariga della Legge Linate, viene stabilita una elargizione speciale – che è altra cosa rispetto alle donazioni e ai risarcimenti -, per ogni vittima e ferito grave, o gravissimo: minimo 200mila euro, tenuto conto dello stato di effettiva necessità. E le vittime di quella notte da incubo sono 32, 13 i feriti. La legge recita anche che “il sindaco, d’intesa con il commissario delegato, individua i familiari di vittime e feriti e determina la somma spettante a ciascuno”, e stabilisce un ordine di assegnazioni. Ma sempre la stessa legge non dice assolutamente che in mancanza dei soggetti elencati nell’ordine i 200mila euro non saranno elargiti. “E come potrebbe – sottolinea Riccardo Antonini -, l’intento del legislatore è che ai familiari di ciascuna vittima siano assegnati i soldi”. L’assegnazione dei soldi – ammonta a 10 milioni di euro la cifra totale prevista dalla normativa – è dunque ancora al centro di un dibattito e oggetto di confronto, e la questione ruota attorno agli otto casi per i quali, secondo il testo attuale della Legge Viareggio, ci sarebbero ancora dei problemi di grado di parentela per i beneficiari. Il primo cittadino, che si è dichiarato d’accordo con gli esponenti di “Assemblea 29 giugno”, ha già preso contatti telefonici con l’onorevole Debora Bergamini per un incontro con i familiari, a cui parteciperanno anche tutti i parlamentari versiliesi e toscani per arrivare ad una soluzione definitiva.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on Mag 11, 2011 at 8:00 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

STRAGE, SOLDI PER TUTTI I FAMILIARI ENTRO FINE GENNAIO: LUNARDINI ASSICURA CHE SI BATTERA’ ANCHE PER CAMBIARE LA LEGGE VIAREGGIO

Strage ferroviaria: arrivano i soldi. Entro pochi giorni i familiari di 14 delle 32 vittime della strage del 29 giugno 2009 si vedranno accreditare sui propri conti correnti le somme dei risarcimenti per le gravi perdite. Il sindaco di Viareggio Luca Lunardini ha infatti firmato ieri mattina l’ordinanza. ”Dopo il via libera da parte della Regione Toscana e del commissario per la ricostruzione Enrico Rossi – ha spiegato il primo cittadino durante la conferenza stampa nella sua stanza – e dopo che gli uffici comunali hanno ultimato le pratiche, ho potuto firmare i mandati per i primi pagamenti per 14 familiari e compatibilmente con i tempi tecnici i soldi saranno a disposizione”. Duecentomila euro la cifra prevista per ciascuno, mentre il lavoro degli uffici comunali prosegue incessantemente: Lunardini, infatti, conta di concludere tutto entro la fine di gennaio. “Era stato programmato che per Natale avremmo fatto di tutto perchè i soldi fossero materialmente in possesso dei parenti delle vittime – ha precisato – e grazie soprattutto al lavoro svolto dagli impiegati comunali che hanno lavorato gratuitamente facendo straordinari tutti i giorni siamo riusciti in questo intento”. Poi sarà la volta dei feriti gravi, “una pratica piu’ complessa – ha sottolineato il sindaco -, ma che intendo portare in fondo anche in questo caso concretamente”. Le vittime sono 32 e per ciascuno Lunardini è pronto a battersi: “ all’ingresso del municipio c’è una lapide con 32 nomi, e pretendo che ci siano i soldi per tutti, anche se la legge sta creando alcuni problemi per le coppie di conviventi”. Contro anche i pareri espressi dalle Avvocature dello Stato e della Regione, tanto che il sindaco ha già chiesto un incontro con il sottosegretario Gianni Letta per modificare la legge Viareggio.

Proseguono intanto le iniziative in ricordo delle vittime del disastro e la prossima in programma è un concerto gospel in piazza Mazzini il giorno di Santo Stefano.

Published in: on dicembre 24, 2010 at 9:45 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

“BENE L’ELARGIZIONE SPECIALE”, I FAMILIARI SONO SODDISFATTI MA PREOCCUPATI PER IL CASO DI ANTONIO FARNOCCHIA

A proposito della Legge Viareggio, del 7 luglio 2010, fatta sulla falsariga della legge Linate, relativa al disastro aereo dell’ 8 ottobre 2001 e “consapevoli che una legge simile non è stata approvata per nessuna altra situazione analoga”, come si legge in una nota di Assemblea 29 Giugno, è un fatto positivo che sia stata definita un’elargizione speciale per i familiari di 24 vittime e per i feriti gravissimi: “ che deve essere concretizzato e definito entro l’anno”. Per gli altri 8 casi rimasti in sospeso, è stato detto e scritto, anche da parte del Sindaco del comune di Viareggio, che verranno esaminati prossimamente. “Bene – affermano gli esponenti di Assemblea 29 Giugno -, vedremo e valuteremo i risultati di questo approfondimento, tenendo conto che lo stesso Sindaco al Convegno su “Giustizia e Sicurezza” del 23-24 ottobre da noi promosso, assieme all’Associazione “Il mondo che vorrei”, dichiarò “tutti i familiari debbono ricevere l’elargizione prevista dalla legge”. E la legge è chiara: per ciascuna vittima è attribuita ai familiari una somma complessiva non inferiore a 200.000 euro, che è determinata tenuto conto anche dello stato di effettiva necessità. Su questo si può anche discutere, nel senso che è materia di discussione, ma non è possibile derogare. E’ la legge che lo sancisce. Oltre a questi 8 casi rimasti in sospeso e che, quanto prima, dovranno essere definiti, c’è poi il “caso dei casi”, quello di Antonio Farnocchia che, per la sua particolarità e specificità, deve essere trattato differentemente dagli altri 31. Antonio infatti aveva sostanzialmente due nuclei familiari e, per questo, in questo caso deve essere applicata una discriminazione positiva, affinchè giustizia sia fatta: “si tratterà di condurre una battaglia perchè all’una e all’altra famiglia sia riconosciuto la cifra di 200mila euro”.

Il 29 dicembre, a 18 mesi dalla strage, la città sarà poi di nuovo mobilitata, “per vigilare sull’iter processuale come su quello della legge per la verità e la giustizia”: dalle 9 alle 12 con un presidio davanti al comune, il pomeriggio alle 17.30 con un’assemblea in sala di Rappresentanza e la sera alle 23.15 alla Casina dei Ricordi, “per non dimenticare”.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on dicembre 23, 2010 at 9:15 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

STRAGE : VIA AI PRIMI CINQUE INDENNIZZI, FIRMATA L’ORDINANZA PER IL VIA LIBERA AI PAGAMENTI

Il Commissario per la ricostruzione in seguito all’esplosione del 29 giugno 2009, Enrico Rossi, ha firmato l’ordinanza con la quale dà applicazione alla Legge Viareggio, autorizzando il Comune a pagare 4 parenti di 2 delle 32 vittime decedute in seguito all’esplosione del carro cisterna, e 1 dei feriti gravissimi, per una somma totale di 600mila euro. Ai parenti andranno 100mila euro ciascuno, mentre nel caso della ferita gravissima la somma che verrà liquidata sarà di 200mila euro. A Claudio Menichetti e Daniela Rombi, genitori di Emanuela, andranno 100mila euro ciascuno. Anche a Emilio Falorni e a Imperia Rustighi, genitori di Andrea, andranno 100mila euro ciascuno. A Laura Galli, ferita in maniera gravissima, verranno liquidati 200mila euro. “Si tratta – spiega Rossi – delle prime liquidazioni, alle quali seguiranno le altre cosi come previsto dai criteri che abbiamo concordemente definito con il Sindaco. Conto di firmare a breve altre ordinanze e comunque ho dato disposizioni ai miei uffici di accellerare le procedure che portano alla mia firma, man mano che la documentazione necessaria viene consegnata dagli aventi diritto e che il Comune ci trasmette le proposte di liquidazione”. A questo proposito Rossi, avendo appreso dalla stampa delle difficoltà lamentate da alcuni dei familiari delle vittime a causa della richiesta di produrre documenti in originale, ha invitato a fare il possibile per superare gli intoppi burocratici. “Sono certo – ha detto infatti il Commissario Rossi – che i funzionari sapranno far buon uso della normativa che consente di produrre copie aventi valore legale e che daranno indicazioni in questo senso a coloro che si sono visti chiedere la documentazione originale che in alcuni casi, penso alle sentenze di separazione e alle dichiarazioni dei redditi, è di difficile reperibilità”.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)

Published in: on dicembre 22, 2010 at 8:30 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

“UGUALE TRATTAMENTO PER LE COPPIE DI FATTO NEI CONTRIBUTI”, APPELLO BIPARTISAN DEI PARLAMENTARI

Coppie di fatto, uguale trattamento per risarcimenti disastro Viareggio”, è quanto chiedono i senatori Andrea Marcucci, Manuela Granaiola del PD e Massimo Baldini del PDL in merito al caso della vedova Alessandra Biancalana.

L’appello

I parenti delle vittime devono infatti avere pari trattamento: “i conviventi di fatto devono avere lo stesso diritto al risarcimento precisano i senatori – sancito dalla legge 106” e al commissario Enrico Rossi chiediamo di interpretare in questo modo la normativa, tenendo presente anche lo stato di necessità della signora – precisano in una nota a firma di tutti e tre dopo l’allarme lanciato dall’avvocatessa Elena Benedetti, legale di Alessandra Biancalana, che ha paventato una esclusione della sua assistita dai risarcimenti. “La legge per Viareggio – proseguono – stabilisce i criteri di coloro che hanno diritto all’intervento dello Stato comprendendo anche i conviventi ‘more uxorio’. Si tratta ora di applicarla correttamente, prevedendo il risarcimento alla Biancalana”. Per i senatori “bisogna evitare odiose discriminazioni, tenendo presente  lo stato di  particolare necessità della signora Biancalana, e che la coppia ha avuto una figlia, attualmente minorenne”. Convinti che il presidente Rossi andrà in questa direzione pronti ad intervenire, con la richiesta di provvedimenti specifici, anche in Parlamento”.

(Il Nuovo Corriere di Lucca e Versilia)


LA LEGGE PER VIAREGGIO E’ APPROVATA, LA CAMERA DEI DEPUTATI HA DETTO SI ALL’UNANIMITA’ ALLO STANZIAMENTO PER LE VITTIME : AL COMMISSARIO ROSSI SARANNO MESSI A DISPOSIZIONE 10 MILIONI DI EURO PER LE PERSONE COLPITE

La legge Viareggio è stata approvata ieri all’unanimità dalla Camera. Il testo approvato assegna al commissario straordinario Enrico Rossi la cifra di 10 milioni di euro, da destinare a speciali elargizioni in favore delle famiglie delle vittime e di tutti coloro che hanno riportato lesioni, gravi e gravissime, a causo del disastro ferroviario del 29 giugno. I beneficiari saranno individuati dal sindaco Luca Lunardini, d’intesa con il Commissario sarà poi determinata la somma che spetterà a ciascuno: la cifra che sarà concessa non potrà comunque essere inferiore a 200mila euro. Le elargizioni nei confronti di chi ha riportato lesioni gravi o gravissime saranno determinate in proporzione alla gravità delle lesioni stesse, e tenuto conto anche dello stato di necessità effettiva. Le cifre saranno esenti da qualsiasi tipo di imposta e tassa, e sono da considerarsi aggiuntive rispetto ad altre somme delle quali i beneficiari abbiano diritto, come ad esempio i proventi da azioni di risarcimento dei danni. Il testo presentato dalla maggioranza aveva ricevuto le critiche da parte del PD e dell’IDV, che avevano presentato emendamenti tesi ad aumentare la cifra, bocciati dopo aver avuto parere contrario dal Governo e dalle Commissioni competenti. Il testo ora passa al Senato.

Siamo soddisfatti per la vicinanza che, con questo voto, la Camera ha espresso unanimemente ai familiari delle vittime e ai feriti della strage di Viareggio. Ma rimane l’amaro in bocca per il mancato stanziamento delle risorse ancora necessarie a completare la ricostruzione”. È il commento dell’onorevole Raffaella Mariani e dell’onorevole Silvia Velo (Pd) al voto finale dell’Aula di Montecitorio sul testo che contiene le disposizioni a favore delle persone coinvolte nel disastro ferroviario del 29 giugno. “Grazie all’impegno del Pd – sottolineano le deputate – la cifra destinata ai familiari delle vittime e ai feriti è salita a dieci milioni di euro: una scelta appoggiata con convinzione da tutte le forze politiche. Ma la mancanza dei 6,8 milioni per il completamente della ricostruzione, che lascia parzialmente incompiuto l’intervento dello Stato per Viareggio, ci amareggia”. “Di questi tempi con forti divisioni e con tagli alle risorse finanziarie per far fronte alla crisi, e’ doveroso sottolineare che tutta la Camera ha votato a favore della Legge per i familiari delle vittime e dei feriti gravi e gravissimi”. Questo quanto dichiarato dal deputato toscano del PdL Gabriele Toccafondi. “Sulla parte degli investimenti e’ necessario ricordare che mancano ancora 6,8 milioni per la ricostruzione ma occorre anche sottolineare che 20,5 milioni sono stati assegnati dal governo e in parte dalla regione. Con un mio ordine del giorno approvato dal Governo ho chiesto che a breve Governo e Regione trovino i necessari fondi per terminare la ricostruzione”. “Ogni passo avanti nell’impegno di risarcire per quanto possibile le vittime della tragedia di  Viareggio e i loro familiari va valutato positivamente. E’ quindi una buona cosa che la Camera abbia licenziato con voto unanime la legge che stanzia 10 milioni di euro a questo scopo”, sono le parole del Commissario Rossi, ma è auspicabile, come ha chiosato Baccelli, ” che vengano trovati anche i fondi per realizzare le opere infrastrutturali”.


Published in: on giugno 4, 2010 at 1:30 pm  Lascia un commento  
Tags: ,